I lunedi di meditazione, 12 febbraio 2018, La sapienza dello Yoga


L’umanità ha conosciuto e conosce diverse forme di percezione e di conoscenza. In genere però ciò che viene usato normalmente per la comunicazione umana e la diffusione di quella che l’umanità chiama conoscenza, sono le percezioni sensoriali e la logica razionale. Questa condizione però di fatto è l’espressione di un limite, perché l’essere umano è molto di più, avendo la possibilità di esistere contemporaneamente su più livelli di esistenza. Il percorso evolutivo che lo Yoga, il Raja Yoga in particolare, propone, porta l’uomo a realizzare tutte le proprie potenzialità e ad attivare quella forma di percezione elevata e sintetica che è la visione dell’anima. Questa racchiude in sé tutte le possibilità degli apparati percettivi inferiori, fisici, eterici, emotivi e mentali, aggiungendo a questi la visione spirituale. Meglio no? Questa condizione dell’essere si traduce non solo nella conoscenza dell’erudito, ma in quella Sapienza dell’anima che solo la visione diretta della Realtà in tutte le sue componenti può dare.