L’Ignoranza-avidya e la vera conoscenza

E lo scopo dell’esistenza è l’emancipazione. Se l’essere umano è caduto in schiavitù per opera della maya-avidya, allora ha solo una meta: la riconquista della sua assolutezza e compiutezza[i] Esse sono due nascoste nel segreto dell’Infinito: l’ignoranza e la conoscenza; ma l’ignoranza è peritura, la Conoscenza Immortale (Svetasvatara-Upanishad) Tutta la speculazione indiana fa riferimento costante […]

Leggi di più…

La conoscenza è settemplice

Secondo la tradizione induista la nostra attività mentale produce sette stati di coscienza che altro non sono se non le principali modificazioni del principio pensante, quelle modificazioni che bisogna estinguere se vogliamo raggiungere la beatitudine dell’Essere. Infatti la parola “Yoga” indica l’estinzione di qualsiasi increspatura della sostanza mentale, ossia non può esserci Unione senza l’estinzione […]

Leggi di più…

Le Upanishad e la conoscenza suprema

“Il più antico tentativo di formulare una teoria dell’origine del cosmo, e certamente uno dei più interessanti e ragguardevoli, è quello esposto nelle Upanishad”[i]: queste le parole del filosofo inglese John Stuart Mackenzie (1860–1935), che così ci introduce nel complesso, profondo e misterioso mondo del Vedanta, la “fine dei Veda”. Le Upanishad infatti, costituiscono la […]

Leggi di più…