L’entropia come metro per l’evoluzione umana

L'Entropia come metro per l'evoluzione umanaL’essere umano divide. Non riesce per questioni di regole educative, addestramento mentale e paura del nuovo a vedere quanto sia collegato il mondo delle scienze e delle filosofie.

Già il fatto che l’essere umano divida, è indice di un quantitativo, forse un giorno misurabile, di entropia all’interno della propria coscienza.

Il bisogno di separazione (anche solo prettamente mentale) è un impulso difensivo di un fermento, disorganico, che respinge un ordine potenziale che può generare il nuovo in noi e portarci qualcosa di più stabile e meno disomogeneo.

Nella scienza dello yoga possiamo ritrovare un importante collegamento analogico con l’entropia:

– tutti abbiamo un certo quantitativo di Karma, con la disciplina e la pratica meditativa, questo può essere modificato e trasformato.

– trasformando le azioni quotidiane con disciplina, attenzione e consapevolezza, diminuiamo i smaskara, i semi latenti del karma e diminuiamo così, i semi dell‘entropia in noi…

– il Dharma, indica una sorta di “legge della natura”, norma eterna ed ordine sia del cosmo che della vita individuale e sociale degli esseri umani. Per essere aderenti alla legge e quindi ad un ordine superiore (che è anche ordine interiore), dobbiamo diminuire l’entropia interiore e tendere, in maniera direttamente proporzionale, ad un equilibrio temporaneamente stabile dentro di noi, espressione tangibile di una centratura, esprimibile in chimica come entalpia. L’entalpia è una funzione di stato di un sistema ed esprime la quantità di energia che questo può scambiare con l’ambiente.

Niente da fare, la vita è molto più semplice di quanto vorrebbe la nostra mente entropica… se tendessimo tutti a ricercare la purezza, estirpando i semi latenti del karma, potremmo avere una miriade di coscienze più stabili che imprimono a questo pianeta un salto quantico, diminuendone il disordine e la bruttura degli eventi in potenziale.

La scienza dello yoga ci spinge a aumentare l’entalpia dentro alle nostre cellule, ad avvicinarci agli altri, al mondo “esterno” e a mostrarci come siamo, imperfetti ma perfettibili nel mondo fenomenico in cui ci muoviamo.

Se capissimo questo e lo mettessimo in pratica, forse anche molte malattie diminuirebbero…

Facciamolo almeno per la nostra salute!