La guarigione e il Sentiero della consapevolezza


L'evento si svolgerà il 16/01/2019 alle ore 21:00 - 22:30 presso sala Margherita Hack, Viale Giuliano Vanghetti 4, Greve in Chianti, Toscana

Ingresso Libero

La guarigione e il Sentiero della consapevolezza

Vi sono molti effetti  negativi che indicano il sopraggiungere della malattia, da un momento all’altro ci rendiamo conto di non stare bene. Invece la guarigione è un processo di ritorno alla salute che coinvolge le sfere più intime di noi stessi. Fino a quando lo sguardo rimarrà sulla superficie della coscienza non potrà essere intrapreso il vero percorso di guarigione che conduce al cuore. Il più delle volte questo percorso  è lungo e faticoso, ma in ogni caso ne vale la pena.

La salute non cresce sugli alberi,ma è l’espressione di una condizione di armonia psicofisica che deve essere manifestata nel vivere quotidiano. Sta a noi decidere se vogliamo divenire consapevoli della nostra vera Natura  oppure continuiamo ad identificarci con i nostri impulsi della personalità. Dentro di noi vi è un mondo di energie che attende di essere abbracciato nella sua interezza.  Possiamo imparare a ripristinare i flussi della coscienza attraverso l’ascolto e la pratica della meditazione.

La guarigione viene considerata una vittoria sul sintomo, una battaglia combattuta dal momento della comparsa  fino alla sua neutralizzazione. Invece il sintomo fisico deriva da una causa più profonda ed è per questo che è necessario ascoltarlo per comprendere il vero motivo della malattia. Per l’essere umano il vero risanamento coincide con la liberazione del potere dell’anima: così l’intuizione illumina l’azione che diviene sempre più espressione del proposito interiore.

La realizzazione  della nostra reale natura  si compie integrando le forze presenti nell’essere attraverso la pratica costante della consapevolezza di ciò che ci motiva  e il decentramento dalla  personalità.

Il punto di svolta nel processo di guarigione avviene quando smettiamo di incolpare il destino o gli altri per il dolore che proviamo, ed iniziamo ad  osservare come alimentiamo la sofferenza.

La comprensione dei motivi che ci fanno  soffrire  non deriva da un atto razionale, ma dall’attraversare le zone d’ombra mantenendo lo sguardo verso il cielo. Tutto ciò si traduce  nel sentiero di consapevolezza che conduce verso la guarigione di se stessi.



Luca Tomberli - Email: sede.firenze@scuolaenergheia.it - Tel: 328 312 25 20

Per maggiori informazioni contattaci