Verso un livello di consapevolezza superiore…

verso il livello superiore di consapevolezzaQuando ero piccola i videogiochi che utilizzavo non mi permettevano di “salvare la partita”. Ogni volta che cominciavo a giocare dovevo ripartire dall’inizio. Per fortuna la vita non è così, ma somiglia di più ai videogiochi delle generazioni successive. Ogni volta che, arrivati al limite delle nostre possibilità, superiamo un ostacolo, o meglio”, ci superiamo”, cresciamo e per quanto possa sembrarci di essere ancora nella stessa identica situazione di anni prima, in verità la stiamo vivendo ad un livello di consapevolezza superiore. Appena superiamo un periodo di crisi, ci sentiamo più forti, più grandi.. per un pò, magari, ci sembrerà anche di volare, perché tutto sarà relativamente facile e conosciuto. Poi arriva un’ altro “problema”…e pensiamo” ma perché?”…perché c’è ancora qualcosa da imparare e possiamo essere di più ed ancora di più! Soprattutto quando si comincia un percorso di consapevolezza, che implica un continuo aumento di coscienza, si ha un pò l’impressione essere ad una corsa ad ostacoli. Io, personalmente, ho sempre odiato correre e pure saltare, quindi figuriamoci…! Ci sono momenti come questi in cui mi trovo con il culo in terra, le ginocchia sbucciate, il fiatone e penso ” ma ne varrà proprio la pena?…poi mi rialzo e dico “ne vale la pena sempre” ma voi statemi vicini. Stiamoci vicini sempre, perché non è facile. É bello, emozionante, ma non è facile. Mai. E alla fine, la corsa, la si può vincere solo insieme.tiamo vivendo ad un livello di consapevolezza superiore. Appena superiamo un periodo di crisi, ci sentiamo più forti, più grandi.. per un pò, magari, ci sembrerà anche di volare, perché tutto sará relativamente facile e conosciuto. Poi arriva un’ altro “problema”…e pensiamo” ma perché?”…perche c’è ancora qualcosa da imparare e possiamo essere di più ed ancora di più! Soprattutto quando si comincia un percorso di consapevolezza, che implica un continuo aumento di coscienza, si ha un pò l’impressione essere ad una corsa ad ostacoli. Io, personalmente, ho sempre odiato correre e pure saltare, quindi figuriamoci…! Ci sono momenti come questi in cui mi trovo con il culo in terra, le ginocchia sbucciate, il fiatone e penso ” ma ne varrà proprio la pena?…poi mi rialzo e dico “ne vale la pena sempre” ma voi statemi vicini. Stiamoci vicini sempre, perché non è facile. É bello, emozionante, ma non è facile. Mai. E alla fine, la corsa, la si può vincere solo insieme.

Ti potrebbe interessare

Mara Ghislandi

Mara Ghislandi

Nata ad Alzano Lombardo il 4 Luglio 1986, consegue la laurea in Scienze dell’Educazione presso l’Università degli studi di Bergamo. Dopo diverse esperienze in ambito educativo- laboratoriale, è dal 2010, insegnante di sezione primavera in una Scuola dell’Infanzia. Adora cantare, ascoltare musica, disegnare, scattare fotografie, leggere, scrivere poesie e viaggiare. Dal 2013, dopo varie ricerche personali in ambito psicologico ed umanistico, si è avvicinata alla meditazione e allo studio del Raja Yoga, trovando in esso un armonico ampliamento e approfondimento della propria fede cattolica. Dopo un anno di meditazione presso l’associazione Atman, si iscrive alla Scuola Energheia per terapisti esoterici, attualmente è al terzo anno.