Senti che bel vento…

Vorrei riuscire a dare qualche sollievo a chi si affligge alla ricerca di un senso, affannandosi a cercarlo in mezzo alle nebbie della personalità. Impresa titanica riuscire a distinguere nel sottobosco delle proprie attese quello che riteniamo possa dare un significato ai nostri giorni. Spendiamo tempo, energia e denaro per dare alla nostra esistenza una direzione logica, sensata per l’appunto, che giustifichi e qualifichi la nostra presenza nel mondo, quasi avessimo la necessità di una manifestazione esteriore lineare per dimostrare a noi stessi e agli altri che non stiamo perdendo tempo, che siamo seriamente al lavoro, che veramente ci stiamo dando da fare per lasciare una traccia visibile, indicativa, connotata dalla particolarità che riteniamo più utile e giusta. Insomma ci troviamo spesso alle prese con il senso o con il non senso della nostra vita. È normale, è umano. Se no che ci siamo a fare su questa Terra? Costruiamo in questo modo la nostra storia personale cercando di integrarla al meglio nella società in cui viviamo, rispettando quelli che sono i nostri valori essenziali e ciò in cui riponiamo la nostra fiducia. Cerchiamo comunemente il senso della nostra Vita partendo da noi stessi e non di rado ci ostiniamo nell’immobilismo, avvinghiati alle nostre illusioni, convinti che il senso che cerchiamo abbia in noi la sua roccaforte, e rifiutiamo di accoglierne un’origine diversa, una differente traiettoria, una modalità imprevista.

Capita pure che il senso in questione, anche qualora fosse trovato, s’interrompa nel frastuono delle diverse percezioni quotidiane e la traccia che stiamo creando si dilegui come nulla fosse, lasciandoci frastornati. Ci sembra allora di dover ricominciare tutto daccapo, mentre la nostra pazienza e la nostra autostima sono messe a dura prova. Il risultato degli sforzi apparentemente falliti ci confonde, ci infastidisce, ci costringe a interrogarci sulla validità delle nostre idee e sull’efficacia dei nostri comportamenti. Così ci sembra di non aver capito nulla, di aver perso ogni senso e rischiamo di veder scivolare il nostro smarrimento in uno stato di passività piuttosto rischioso.

Chi conosce lo yoga sa bene come funzionano certe dinamiche e da quali luoghi della coscienza prendono le mosse. Non voglio dire che cercare di dare un senso alla propria esistenza e voler indirizzare consapevolmente le nostre azioni verso il compimento di un obiettivo stabilito sia disdicevole, proprio no. Sto cercando di dire che le nostre buone intenzioni sono frequentemente disturbate da altre intenzioni meno evidenti ma non meno attive che inquinano la traccia indicativa che diciamo di voler seguire.

Soprattutto vorrei ricondurre tutto questo lungo discorso a una breve conclusione. Il senso la Vita ce l’ha. Siamo noi. Non è il contrario. Ci torturiamo con un’infinità di considerazioni e basterebbe invece accorgersi che ognuno di noi è la forma in cui la Vita sta esprimendo il Suo Senso. Vallo a capire! Cioè invece di cercare il nostro senso nella Vita, dovremmo scoprire il senso della Vita in noi. Bè, non lo so, forse appare complicato ma secondo me è molto più semplice, basta liberarsi dall’ingombro di se stessi nella valutazione dei fatti. Magari possiamo cantare insieme la canzone di Vasco…

Sai che cosa penso / Che se non ha un senso/ Domani arriverà / Domani arriverà lo stesso

Senti che bel vento…

Ti potrebbe interessare

Giovanna Spinelli

Giovanna Spinelli

Nata a novembre del 1952 a Lizzano (TA). Terminati gli studi magistrali ha frequentato a Firenze l’Università Internazionale d’Arte. Ha insegnato 22 anni nella scuola pubblica, prima a Padova e poi nella provincia di Taranto. Ha frequentato la scuola Energheia a Modena e attualmente è insegnante nella sede di Lecce, in Puglia. Nel 2003 ha fondato l’associazione INFINITO con l’intento di promuovere una sinergia nel campo educativo per orientare ogni sforzo verso l’affermazione di una visione che unifichi e non disperda le risorse della famiglia e della scuola, potenziando e non frammentando la loro funzione evolutiva. Il suo lavoro è tuttora dedicato alla crescita dei bambini e degli adulti.