humanlux

Lo Yoga e la Terra

erdeQuando si parla di Yoga, il pensiero corre subito alla disciplina che ci porta a conoscere e a perfezionare la nostra umanità, assecondando l’evoluzione della coscienza fino al compimento e alla realizzazione spirituale.

Cosa c’entra la Terra con questo?

Sulla Terra giochiamo la nostra partita, facciamo la nostra esperienza, entriamo in rapporto con altre creature: costantemente e necessariamente ci confrontiamo nella gestione della casa di tutti e spesso marchiamo il territorio in maniera violenta e arrogante. A queste condizioni partecipiamo alla storia comune, considerando solo i nostri personali interessi. La buona notizia è che, piegati dalle conseguenze della nostra ignoranza, adesso abbiamo la possibilità di intervenire con comportamenti un po’ più consapevoli, meno distruttivi e più attenti: stiamo imparando che possiamo cominciare a comunicare diversamente, in maniera più dolce ed innocua, con la Vita che ci nutre e ci accoglie.

L’interazione costante nel tempo e nello spazio fra tutti gli abitanti della dimora terrestre, per quanto faticosa e complessa, ha alla base una tensione comune ed un’unica meta: una convivenza intelligente, amorevole e pacifica… possiamo chiamarla unità, comunione Yoga!

Però come stanno adesso le cose lo vediamo tutti: non c’è una sola regione dello spazio terrestre e celeste che non sia sottoposta a un degrado evidente, effetto della devastazione operata in tutti gli ambiti da chi lavora esattamente contro un mondo bello e sano per tutti, perseguendo piuttosto un mondo spento e malato per il dominio di pochi.

Se l’obiettivo di uno yogi è quello di praticare la meditazione per riunire sotto il leggero giogo dell’Anima le contrastanti forze della personalità e approdare infine consapevolmente alla pura beatitudine dell’essere, perché non possiamo estendere questa conquista al nostro rapporto con la Terra e con le altre sue creature? Sto parlando di una creazione nuova, possibile, sotto lo sguardo diretto dell’Anima, mentre continuiamo a rapportarci come sempre ma diversamente con i nostri coinquilini terrestri, compresi quelli di altri regni di natura.

D’altro canto tutto ciò che vive è “animato” cioè mosso in esistenza dall’impulso vitale e dalle qualità della propria anima, a qualunque grado e livello di coscienza: dal minimo al massimo, per tutti e per ognuno, i lavori sono sempre in corso. Il rispetto per la dignità e la sacralità di questa grande opera non ha bisogno di essere spiegato. La creazione non è mai finita proprio per questo, perché ci stiamo ancora lavorando pur continuando a sbagliare, a ferire, a soffocare impunemente la Vita, senza accorgerci che stiamo distruggendo un patrimonio inestimabile che non è proprietà privata, ma inviolabile diritto di tutti. Come possiamo migliorare la situazione, come può diventare più yogica la nostra comunicazione, la nostra presenza su questo bel globo?

In fin dei conti che ne sappiamo veramente noi della Terra? E come si fa ad amare chi non si conosce? Quanta distanza c’è tra quello che ritengo essere il mio rapporto con una Entità effettivamente sconosciuta e la comunione che potrebbe invece nascere da una più profonda conoscenza? Forse se riusciamo ad ascoltare la voce della Terra, possiamo darle risposte più adeguate. Forse se ci lasciamo toccare dalle sue parole, può risuonare in noi una verità di cui siamo parte importante. Se prestiamo attenzione ai suoi bisogni, forse curiamo il bene dell’umanità intera. E tutto questo non è Yoga?

Giovanna Spinelli

Giovanna Spinelli

Nata a novembre del 1952 a Lizzano (TA). Terminati gli studi magistrali ha frequentato a Firenze l’Università Internazionale d’Arte. Ha insegnato 22 anni nella scuola pubblica, prima a Padova e poi nella provincia di Taranto. Ha frequentato la scuola Energheia a Modena e attualmente è insegnante nella sede di Lecce, in Puglia. Nel 2003 ha fondato l’associazione INFINITO con l’intento di promuovere una sinergia nel campo educativo per orientare ogni sforzo verso l’affermazione di una visione che unifichi e non disperda le risorse della famiglia e della scuola, potenziando e non frammentando la loro funzione evolutiva. Il suo lavoro è tuttora dedicato alla crescita dei bambini e degli adulti.
Tags: , , , ,
Responsive Menu Clicked Image
Apri il menu