Krishna

KrishnaKrishna è generalmente considerato come l’ottava incarnazione del Signore Vishnu ed è nato nel Dvarpara Yuga o Età del Bronzo. Krishna è l’incarnazione dell’amore e della gioia divina che distrugge ogni dolore e peccato. Krishna è uno stimolatore di tutte le forme di conoscenza, nato per stabilire la religione dell’amore.

Krishna è apparso 5.000 anni fa sulla Terra, dove rimase per 125 anni interpretando la parte di un essere umano. Molti uomini parlano di Dio e in modi diversi, ma le Scritture vediche e i grandi acarya (sacerdoti) di tutti i tempi, coloro che sono esperti nella conoscenza di Dio e sono riconosciuti come autorevoli in materia, quali Sankara, Ramanuja, Madhva, Visnusvami, Sri Caitanya Mahaprabhu e i maestri che sono succeduti a loro, sono d’accordo nell’affermare che Krishna è Dio, la Persona Suprema.
La Bhagavad-Gita c’insegna che l’individuo è maestro e proprietario del proprio corpo, ma Krishna, che è l’Anima Suprema situata nel cuore di ciascuno, rappresenta il maestro e il proprietario supremo di tutti i corpi.

Krishna è cresciuto in una famiglia di pastori e amava suonare il flauto per intrattenere gli altri pastori, le pastorelle e le mucche. Come un bambino, Krishna ha avuto un grande amore per la madre adottiva Yashoda e il loro rapporto si pone ad esempio per l’amore tra una madre e il suo bambino. Nei vari racconti Krishna è popolare per prendere in giro le pastorelle di Vrindavan e Yashodâ. Lui e i suoi amici avrebbero rubato latte e burro, lasciato che le mucche vagassero libere al momento della mungitura, nascosto i vestiti delle ragazze che facevano il bagno nel fiume o addirittura rotto le pentole di acqua che le mungitrici portavano sulle loro teste. Il comportamento di Krishna con il “prendere in giro” non era esclusivamente per il gusto di farlo. Voleva distruggere l’ignoranza dei suoi devoti, insegnando loro a non essere attaccati alla materia e alle forme per concentrarsi solo su di Lui. Come tale, il Signore Krishna è la divinità di Hasya o umorismo e un messaggero di pace.

Nella tradizione vedica si afferma che per sviluppare il nostro amore per Dio occorre cantare i Suoi santi nomi, soprattutto nel mantra Hare Krishna “Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare / Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare”. Così, quando cantiamo il santo nome del Signore, è Krishna stesso a cantare . Mentre continuiamo a cantare, semplicemente, ci colleghiamo direttamente con Krishna.

Ti potrebbe interessare

Luciana Mologni

Luciana Mologni

Luciana Mologni nasce nel 1950 a Bergamo e nel 1966 si trasferisce a Milano dove la spinta alla ricerca di sé la porta a frequentare nel 1985 la scuola di psicodinamica a Milano. Dopo aver sperimentato alcune tradizioni e diversi corsi di perfezionamento e varie discipline olistiche, impara a conoscere le erbe lavorando in Erboristeria. Nel 1991 si trasferisce a Modena dove scopre la disciplina del Raja Yoga, l'antica Scienza dell'Essere improntata alla conoscenza del sé più profondo, secondo gli insegnamenti di Massimo Rodolfi. Frequenta dal 1998 la scuola triennale per terapeuti esoterici Energheia ed il master di perfezionamento Agnihotri. Dopo otto anni d'insegnamento in materie esoteriche, nel 2006 diviene docente di Energheia, la prima Scuola di formazione per terapeuti esoterici a Bergamo dove si è trasferita nel 2001. Attualmente è insegnante di Energheia, di meditazione e di per terapeuti esoterici Raja Yoga nell'ambito dell’associazione Atman.