humanlux

Gerarchia angelica i Troni

gerarchia angelica i TroniEsattamente come i Serafini e i Cherubini, i Troni posseggono una perfezione spirituale grandemente elevata, ed emanano la luce di Dio come un riflesso nello specchio. Vengono descritti dalla Bibbia come ruote intersecate ad altre ruote, delle quali se una si muove avanti e indietro, l’altra si muove da un lato all’altro. Si tratta di ruote dotate di innumerevoli occhi, secondo l’immagine presente nel libro di Ezechiele, dove il profeta descrive la visione dei cieli; il profeta non descrive esplicitamente queste ruote come angeli, ma come oggetti o “creature viventi” che possiedono uno spirito.

Particolari ed enigmatici angeli d’alta gerarchia, i Troni, vengono descritti con precisione in due capitoli del libro d’Ezechiele (1:4-25; 10:9-17).

Essi, lavorano all’evoluzione dell’uomo di loro propria volontà. I Troni erano così progrediti che questa manifestazione evolutiva non poteva dar loro nessuna nuova esperienza, né aumentare il loro sapere; e lo stesso si può dire dei Serafini e dei Cherubini che sono due cori ancora più elevati . Le rimanenti Gerarchie Creatrici, per poter completare la loro evoluzione, sono costrette a lavorare allo sviluppo dell’uomo, in lui e con lui.
Il profeta si riferisce a loro con i nomi “ruote”, data la loro forma circolare, e “turbine“, ad avvalorare la tesi secondo la quale in tempi remoti tali angeli erano direttamente identificati con i venti o i turbini, assieme ai Cherubini (2 Samuele 22:11).
Queste ruote hanno “l’aspetto e la struttura come di topazio e tutt’e quattro la medesima forma, il loro aspetto e la loro struttura era come di ruota in mezzo a un’altra ruota” (Ezechiele 1:16).
Essi si muovo unicamente in perfetta sincronia con i Cherubini, poiché entrambi sono guidati dallo spirito del Signore, motivo per il quale “potevano andare nelle quattro direzioni senza voltarsi” (Ezechiele 10:11; 10:16-17).
I Troni determinano la creazione verso la sua giusta collocazione nel tempo e nello spazio. Sono Essi a guidare la “cosa” creata verso il giusto luogo in cui dovrà manifestarsi e il mo­mento giusto perchè ciò accada.

Per la tradizione esoterica i Troni sono: Intelligenza Attiva, Fuoco d’attrito, Calore e intelligenza Spirituale. Il loro dominio risiede principalmente sul piano Atmico della creazione divina, è l’ultimo dei tre piani della prima Gerarchia Creatrice.

Con sforzi ripetuti, queste grandi Entità riuscirono durante le ere passate, ad impiantare nella vita evolventesi il germe dal quale si sviluppò l’attuale corpo denso. Questo germe si sviluppò alquanto durante il restante periodo, e gli fu data la capacità di formare gli organi sensori, particolarmente l’orecchio. Perciò l’orecchio è l’organo più sviluppato che noi possediamo. Esso è lo strumento che porta con la più grande fedeltà le impressioni delle condizioni esterne alla coscienza. Esso è meno soggetto di tutti gli altri organi alle illusioni del Mondo Fisico. Infatti, il suono, è il primo a manifestarsi nella creazione Divina, attraverso la OM tutte le cose sono create.

La coscienza della vita in manifestazione di quel Periodo era simile a quella degli attuali minerali, benché la vita in evoluzione lavorasse sul germe del corpo denso, sotto la guida e con l’aiuto di diverse Gerarchie Creatrici (che vedremo nei prossimi articoli). Quando il Corpo fisico fu pronto, i Troni tornarono ad essere attivi per risvegliare, questa volta, il più alto principio spirituale. Essi suscitarono l’attività iniziale dello Spirito Divino nell’uomo.

Così l’uomo deve il più alto e il più basso dei suoi veicoli – lo Spirito Divino e il corpo fisico- ai Troni, Signori della Fiamma, di loro spontanea volontà, lo aiutarono nella manifestazione di questi veicoli .

Secondo Steiner, ad esempio, si deve ai Troni il fatto che l’universo esista in forma fisica così come lo conosciamo, grazie all’emanazione della loro stessa sostanza di calore, sviluppatasi in densità.

Possiamo dire che: i Serafini tengono l’energia statica delle idee o progetto Divino , attraverso il loro canto (il suono), pronta per i Cherubini che la veicolano in tutti i punti cardinali (colore), forniscono il germe per il corpo eterico dell’uomo con l’aiuto dei Troni, che a loro volta provvedono al germe per il corpo denso (la forma) dell’essere umano, in un periodo successivo, quando l’umanità fu pronta e progredita a tal punto da poter permettere ai Troni, di donare l’attività iniziale dello Spirito Divino.

Con questo piccolo sommario e con gli altri due precedenti articoli sulla prima Gerarchia Angelica ho cercato di esporre l’importanza di queste Grandi Essenze. Quanto esposto è veramente una piccola piccola parte del lavoro svolto dalla prima Gerarchia Creatrice.

Come H.P.B. nella Dottrina Segreta allude a “… la soluzione dell’enigma… dinanzi al quale anche il più elevato Dhyan Chohan deve inchinarsi in silenzio e nell’ignoranza – il cui Mistero Ineffabile dai Vedantini è chiamato Parabrahman”. – S.D., I, 352.

Luciana Mologni

Luciana Mologni

Luciana Mologni nasce nel 1950 a Bergamo e nel 1966 si trasferisce a Milano dove la spinta alla ricerca di sé la porta a frequentare nel 1985 la scuola di psicodinamica a Milano. Dopo aver sperimentato alcune tradizioni e diversi corsi di perfezionamento e varie discipline olistiche, impara a conoscere le erbe lavorando in Erboristeria. Nel 1991 si trasferisce a Modena dove scopre la disciplina del Raja Yoga, l'antica Scienza dell'Essere improntata alla conoscenza del sé più profondo, secondo gli insegnamenti di Massimo Rodolfi. Frequenta dal 1998 la scuola triennale per terapeuti esoterici Energheia ed il master di perfezionamento Agnihotri. Dopo otto anni d'insegnamento in materie esoteriche, nel 2006 diviene docente di Energheia, la prima Scuola di formazione per terapeuti esoterici a Bergamo dove si è trasferita nel 2001. Attualmente è insegnante di Energheia, di meditazione e di per terapeuti esoterici Raja Yoga nell'ambito dell’associazione Atman.
Tags: , , ,
Responsive Menu Clicked Image
Apri il menu