humanlux

Geometrie Yogiche

Geometrie_Yogiche_300_2Piove. Le gocce di pioggia che cadono sui mattoni del terrazzo formano cerchi concentrici che si allargano, come respirando. Ogni goccia è un punto di contatto, un centro che si espande formando un cerchio che, a sua volta, dà vita a più cerchi che poi si dissolvono l’uno nell’altro, semplicemente. Mi incanto a guardare i disegni della pioggia e non posso fare a meno di notarne il ritmo e la perfezione geometrica. Il cielo si inchina sulla terra lasciando intravedere la mutevolezza delle forme che appaiono e scompaiono, misurando il trascorrere del tempo nello spazio della manifestazione.

Mettiamo che questo istante, proprio questo attimo, sia l’unica vera realtà e rappresentiamolo con un punto. Il punto indica che ci siamo, qui, adesso. Come il punto, noi siamo un’entità fondamentale e occupiamo una posizione. Il punto è la nostra presenza nel tempo e nello spazio, racchiude tutte le possibilità. Una serie di attimi o di punti successivi crea una linea, retta o curva, discontinua o ininterrotta, che definirà la traccia lasciata dalla nostra esperienza in tutti gli istanti della nostra vita, mentre seguiamo una precisa direzione. Possiamo considerare la nostra esistenza come una successione infinita di punti, tutti collegati tra loro, in una sequenza definita di cause e di effetti. La linea che ne risulta racconta la nostra storia, crea e al contempo disegna la pista sulla quale camminiamo.

Possiamo anche riflettere sul tratto compreso tra due punti come su un segmento della nostra vicenda personale: il segmento può appartenere a uno o più piani, essere compreso in una o più dimensioni, proprio come la nostra vita, che si svolge su lunghezze d’onda e frequenze diverse che costituiscono scenari e drammi mutevoli, di cui noi stessi siamo gli autori. Le linee possono scorrere parallele o incontrarsi con altre in tutti i modi insegnati dalla geometria, delimitando lo spazio e creando angoli e figure, chiuse o aperte, piane o solide. Ognuna di esse diviene simbolo delle nostre forze e della nostra consapevolezza e, mentre colori e suoni prendono forma, costruiamo il diagramma della nostra vita. Se spingiamo più in profondità questa visione poliedrica potremo comprendere il simbolismo dei solidi di Platone e la geometria di Pitagora in rapporto al cosmo intero. Persino le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da legami, angoli e distanze.

Il maestro Tibetano, in “Lettere sulla meditazione occulta” (A.A. Bailey – ed. Nuova Era), dice che “La meta dell’evoluzione umana nei tre mondi – i piani fisico, emotivo e mentale – è l’allineamento della triplice personalità con il corpo egoico, finché si raggiunge una sola linea retta e l’Uomo diviene l’Uno. Ogni vita condotta dalla Personalità, alla fine, è rappresentata da una qualche figura geometrica, utilizzazione delle linee del cubo e la loro dimostrazione in una forma di un qualche tipo. Intricate ed incerte nel loro profilo e di disegno rozzo sono le forme delle prime vite; definite e ben delineate sono quelle costruite dall’uomo mediamente avanzato, […] ma quando egli entra nel Sentiero del discepolato il proposito è di combinare tutte quelle svariate linee in una sola e ciò si compie gradualmente, […] il cubo diventa il triangolo ed il triangolo, l’uno; e l’uno (alla fine del ciclo maggiore) diventa il punto nel cerchio della manifestazione”.

Giovanna Spinelli

Giovanna Spinelli

Nata a novembre del 1952 a Lizzano (TA). Terminati gli studi magistrali ha frequentato a Firenze l’Università Internazionale d’Arte. Ha insegnato 22 anni nella scuola pubblica, prima a Padova e poi nella provincia di Taranto. Ha frequentato la scuola Energheia a Modena e attualmente è insegnante nella sede di Lecce, in Puglia. Nel 2003 ha fondato l’associazione INFINITO con l’intento di promuovere una sinergia nel campo educativo per orientare ogni sforzo verso l’affermazione di una visione che unifichi e non disperda le risorse della famiglia e della scuola, potenziando e non frammentando la loro funzione evolutiva. Il suo lavoro è tuttora dedicato alla crescita dei bambini e degli adulti.
Responsive Menu Clicked Image
Apri il menu