Dyotana – Ushas

Dyotana“L’Immortale Dea, riempie i vasti, alti e bassi posti: Lei distrugge tamas (buio spirituale) con la sua Luce.(Rig Veda x.127.2)”

Dea induista dell’alba e dell’aurora, Figlia del Cielo e sorella del Sole. E’ anche dea della poesia e a lei sono dedicati alcuni degli inni più poetici dei Veda. Viene anche chiamata Dyotana “colei che porta la luce”.

Ushas è l’amante, la fidanzata o la figlia del Surya di cui essa prepara la via. É anche fidanzata a Kandra (la Luna, che è di sesso maschile nella religione vedica).

A Ushas sono dedicati venti inni meravigliosi, pieni di impeto lirico, privi di quegli accenni sacrificali che appesantiscono spesso la poesia vedica. Ushas veste splendidamente; viaggia ogni mattino su di un carro trainato da due cavalli rossi e da due vacche rosee, ed è sempre inseguita invano dal Sole (surya).

Portatrice della prima luce del giorno, Ushas risveglia gli uomini, incitandoli alla bontà, alla giustizia e al proficuo lavoro; gli uomini, a loro volta, la implorano perchè conceda loro un buon cibo, prole, bestiame, ricchezza e lunga vita.

Ushas è una dea esaltata nel Rig Veda, ma meno evidente nei testi post-Rigvedici. Lei è ritratta come allontanatrice degli spiriti maligni della notte.

Venti dei 1.028 inni del Rig Veda sono dedicati a Ushas, ecco alcune invocazioni:

– Le albe radiose sono aumentati per la gloria, nel loro splendore bianco come le onde delle acque.

– Ella fa sentire tutto facile, gusto per viaggiare, e, magnanima, ha mostrato se stessa benigna e amichevole.

– Vediamo che Tu sei buona: lontano brillala LA tua stella; i tuoi raggi, i tuoi splendori sono volati alti in cielo.
Usha dà forza e la fama. Lei è quella che spinge la vita ed è associata con il respiro e la vita di tutti gli esseri viventi. Dyotana si muove con ordine cosmico, sociale e morale. Come l’alba, regolarmente ricorrente si rivela e partecipa all’ordine cosmico ed è il nemico delle forze caotiche che minacciano il mondo. Usha è generalmente ritenuta come una dea di buon auspicio associata con la luce e la ricchezza, ed è spesso paragonata a una mucca.

Nel Rig Veda è chiamata anche ‘la madre di vacche’ e come una mucca che produce il suo latte dalle mammelle, Usha mette a nudo i suoi seni per portare la luce al genere umano. Anche se lei è di solito descritta come una giovane e bella ragazza, è chiamata anche la madre degli dei.

Ushas, Lei è la mattina e il Risveglio, come forza risveglio è la Kundalini Shakti di epoche successive, che è la forza risveglio o Shakti del Sé o Atman. I suoi aspetti qui nel Rig Veda mostrano la sua natura quasi tantrica. Il suo Beeja mantra è Um.

Ti potrebbe interessare

Luciana Mologni

Luciana Mologni

Luciana Mologni nasce nel 1950 a Bergamo e nel 1966 si trasferisce a Milano dove la spinta alla ricerca di sé la porta a frequentare nel 1985 la scuola di psicodinamica a Milano. Dopo aver sperimentato alcune tradizioni e diversi corsi di perfezionamento e varie discipline olistiche, impara a conoscere le erbe lavorando in Erboristeria. Nel 1991 si trasferisce a Modena dove scopre la disciplina del Raja Yoga, l'antica Scienza dell'Essere improntata alla conoscenza del sé più profondo, secondo gli insegnamenti di Massimo Rodolfi. Frequenta dal 1998 la scuola triennale per terapeuti esoterici Energheia ed il master di perfezionamento Agnihotri. Dopo otto anni d'insegnamento in materie esoteriche, nel 2006 diviene docente di Energheia, la prima Scuola di formazione per terapeuti esoterici a Bergamo dove si è trasferita nel 2001. Attualmente è insegnante di Energheia, di meditazione e di per terapeuti esoterici Raja Yoga nell'ambito dell’associazione Atman.