humanlux

Comunicazione dal mondo dei Deva

300_Ulivo CretaDa un po’ di tempo, parlo con un Deva di natura, che ha premura di comunicarmi certe informazioni. Sinceramente, non sono particolarmente afflitto dal fatto che possiate credermi oppure no, io devo semplicemente raccontare, e da molto tempo sono abituato a non prendere troppo in considerazione che cosa pensa la gente di me.

Diciamo che questo Spirito di natura, mi ha comunicato alcune semplici, ma significative cose, che abbiamo convenuto insieme che sia utile diffondere.

In primo luogo, sono rimasto sorpreso dal vedere la sua brillante natura, svettare sulla chioma dell’albero al quale presiede. Diciamo che sto dando per scontato che sappiate qualcosa sui Deva, e la vita eterica, e spirituale, dei regni di natura, altrimenti potrebbe essere una buona occasione per iniziare a documentarvi.

Sono rimasto stupito, perché da tempo è in atto un depauperamento della vita eterica del pianeta, che ha portato una gran quantità di spiriti di natura ad ‘arretrare’ sui piani spirituali a loro più confacenti, ritraendo la loro manifestazione più tangibile dalla dimensione eterica.

Tutto questo, provocato da forze aliene ed umane, alleate nella modificazione e distruzione del pianeta come lo conosciamo noi, sta producendo questo effetto nei regni di natura. Una specie di ‘arretramento’, per non subire le ripercussioni dello stato di profonda irritazione, nella quale tutta la vita planetaria è ormai immersa.

Credo che ognuno possa testimoniare questa realtà, anche senza essere chiaroveggente, basandosi solamente sulla propria percezione di una realtà, che è sempre più difficile e sgradevole da affrontare.

Invece, la prima cosa che mi ha detto il mio amico Deva, nella beatitudine del suo sorriso, è stata di non preoccuparmi, perché le cose andranno come devono andare, com’è giusto che vadano, ma l’umanità ce la farà a superare questo momento, ponendo le basi per un’evoluzione luminosa e pacifica.

Ovviamente questo comporterà l’eliminazione, in modi e tempi che vedremo, degli aspetti più distruttivi operati dagli esseri umani, e dai loro ‘supporter’, ma l’esito sarà sicuramente positivo.

Poi mi ha raccontato come vi sia una schiera di Deva che non stanno ritirandosi sui piani superiori, ma che permarranno nella mischia fino al compimento di ogni cosa. Mi ha anche fatto sentire sulla mia pelle che cosa comporta, per un essere così elevato, rimanere a contatto con ciò che si esprime di questi tempi all’interno delle energie planetarie, e vi assicuro che non è per niente gradevole.

E allora mi è venuto in mente quello che stiamo facendo noi, Uomini di Buona Volontà, Fratelli sul Sentiero, e in particolare quelli aggregati attorno al vessillo dell’Associazione Atman, e nello specifico ad Agnihotri.

Quando mi è giunta l’ispirazione di dare vita ad Agnihotri, I Custodi del Fuoco, Il Sentiero di Guarigione del Guerriero del Fuoco, già sapevo che il vero compito di questo gruppo di anime, sarebbe stato quello di custodire un aspetto particolare del Fuoco della Vita, che particolarmente ci compete, quello legato alla manifestazione del Primo Raggio, di Volontà e Potere.

Preservare il Fuoco Sacro, su di un pianeta che si spegne, può essere una impresa consistente e anche difficoltosa. Certamente poi, persistere nell’affermazione del bello, del buono e del vero, in un mondo che, apparentemente, sta andando in tutt’altra direzione, diventa non sempre gradevole.

Però, così come i Deva stanno facendo nel loro ambito vitale, difendere l’essenza della vita di questo pianeta, potrebbe essere un nobile scopo, per un’esistenza degna di essere vissuta.

Divenire consapevoli di quello che in realtà state già facendo, potrebbe essere un discreto passo evolutivo, per la vostra coscienza. Significherebbe anche dare un contributo al passo che il pianeta deve fare, ossia il passare da una percezione egoista, incentrata sulle piccolezze individuali, ad unaglobale, in grado di tenere conto dei bisogni della Grande Vita di cui siamo parte.

Inoltre, pensate che costituire delle isole di Luce, in mezzo alle tenebre, oltre a non venire meno alla propria natura, da la possibilità anche ad altri, magari un po’ più lenti sul Sentiero, di avere il tempo per stabilizzarsi nella consapevolezza della necessità dell’innocuità.

Per cui io ringrazio vivamente il mio amico Deva, e la Vita stessa, che sempre ci è amica, anche quando noi non lo pensiamo. Le ispirazioni che mi sono state suggerite, sono un grande conforto, per altro in assoluta sintonia con ciò che già stiamo facendo.

Lo so che la vita spesso non mostra il suo lato più gradevole, ma custodirne il suo più intimo Afflato, significa non affliggersi mai, o quanto meno, superare rapidamente l’inevitabile scoramento, che sono certo, non di rado pervaderà la vostra coscienza.

State lieti, tanto morirete comunque, e dovendo scegliere, è meglio col sorriso sulle labbra. Maturate il coraggio di vivere, che da solo porta con sé la leggerezza delle cose e la misurata ironia, che deve scortare il Guerriero del Fuoco.

Così la Natura si sta preparando al cambiamento, e in queste ore terribili ed eccelse, la vita palpita più che mai, anelando il ritorno dei possenti primordi, di un’iperborea condizione, che ancora è celata nelle vene della Terra.

State lieti!!

Massimo Rodolfi

Massimo Rodolfi

Massimo Rodolfi nasce in provincia di Modena nel 1955. Si interessa molto giovane di filosofie orientali, arti marziali, psicologia e terapie alternative, pur continuando un tradizionale percorso formativo che lo porta a laurearsi in storia contemporanea all’università di Bologna. Nel 1984 inizia a tenere corsi di raja yoga ed esoterismo, per arrivare nel 1994 a fondare l’associazione Atman, che ha lo scopo di studiare e diffondere queste antiche conoscenze. Dal 1992 si dedica interamente alla pratica della terapia esoterica, che consiste nell’analisi e nel riequilibrio dei centri energetici, o di coscienza, dell’essere umano. Sulla base di questo vissuto e con l’intento di mettere a disposizione degli altri gli strumenti acquisiti con questa esperienza, nel 1996 fonda Energheia, la prima scuola italiana per terapeuti esoterici. Nel 2006 fonda la Draco Edizioni, casa editrice che vuole diffondere in termini moderni l’antica saggezza esoterica. Nel 2010 da vita ad Agnihotri, I Custodi del Fuoco, Il Sentiero di Guarigione del Guerriero del Fuoco, un nuovo percorso spirituale, che compendia tutte le esperienze precedenti, adattandole a questo periodo di Fuoco che l’umanità sta vivendo. Infine nel 2012, assieme ad oltre cento collaboratori, crea il portale internet Yoga, Vita e Salute www.yogavitaesalute.it, vero punto di riferimento nel settore, che contiene al suo interno il blog-giornale La Finestra sul Mondo.
Responsive Menu Clicked Image
Apri il menu