Scuola Energheia: un viaggio che ti fa tornare a casa

passionale_EnergheiaQuando sentii parlare per la prima volta, di Energheia prima scuola italiana di formazione per Terapeuti Esoterici, non esitai ad iscrivermi. In men che non si dica mi ritrovai con il braccio alzato per confermare ciò che il cuore aveva già compreso con largo anticipo.

Avevo già conosciuto Massimo Rodolfi, il fondatore della scuola Energheia, qualche mese prima frequentando un suo corso di Raja Yoga e Meditazione, quindi, come direbbe una mia amica, mi ero già avvantaggiato, d’altra parte, era troppo bella l’esperienza che stavo vivendo, era il 1996.

Molta acqua è passata sotto i ponti, ma ricordo ancora l’iscrizione alla scuola Energheia come un tuffo al cuore, una ridda di emozioni che si affastellavano, difficile spiegare a parole quanto accaduto ma, sarà pure fantascienza, percepivo come tanti mondi che cominciavano a coesistere, mondi che iniziavano a comunicare dandomi una direzione che sentivo non avrei mai abbandonato, una specie di appuntamento rispettato.

Finalmente mi sentivo a “casa”, questo non significava che tutto fosse finito, anzi, cominciava proprio allora un viaggio all’interno della mia coscienza, teso a rimuovere ciò che ancora era di impedimento al fluire dell’anima. Il lavoro non è ancora finito, c’è ancora un po’ di acqua che deve passare sotto i ponti, e prima o poi passerà anche questa, come diceva mio padre.

La scuola Energheia frequentata da allievo, ora è diventata la scuola Energheia frequentata da insegnante, con quel tuffo al cuore che mi accompagna ogni volta che mi accingo a iniziare una lezione, conscio del fatto di essere un semplice anello della vita, con il “compito” di divenire sempre più coerente, intralciando sempre meno la vita stessa.

“La scuola Energheia”, parole del fondatore Massimo Rodolfi, “intende preparare al discepolato e al sentiero iniziatico, fornendo gli strumenti teorici e pratici per focalizzare stabilmente la propria coscienza sul piano dell’anima, requisito fondamentale per poter operare nel campo della guarigione esoterica e della ricerca spirituale”.

Se volete saperne di più vi consiglio di partecipare alle conferenze di presentazione della scuola Energheia promosse dalle 8 sedi italiane e che troverete a questo link http://www.yogavitaesalute.it/conferenze/categoria/yoga-vita-e-salute-yvs/ poi valuterete di persona, sulla base del vostro sentire e di ciò che eventualmente risuonerà nella vostra coscienza.

Quello che posso dirvi è che, frequentando la scuola Energheia, il cambiamento sarà reale, le vostre vite cambieranno in meglio, senza che nessuno si intrometta nelle vostre esistenze dicendovi che cosa è meglio per voi. Verranno dati degli strumenti attraverso i quali sperimenterete i capisaldi dello yoga, la meditazione e l’ascolto di sé. Il resto verrà di conseguenza, e visto che non si può cambiare ciò che non si conosce, avrete modo di comprendere meglio gli effetti nella vostra vita, trovando minore difficoltà nel metterli in relazione con le cause.

Causa ed effetto ci rimanda al karma, ad una possibile coerenza, da sempre fattore risanante.

Che bello sarà percepire con maggiore chiarezza che siamo sempre al posto giusto al momento giusto, scoprendo che lo siamo sempre stati e che sempre lo saremo. Lo so, è indimostrabile, ma non si può fuggire da se stessi, anzi non si deve, potendo cogliere nelle nostre vite quelle opportunità che prima non vedevamo per ignoranza.

Nel momento in cui mi iscrissi alla scuola Energheia volevo stare bene, senza se e senza ma. Volevo che nessuno mi dicesse che cosa dovevo fare, volevo essere responsabile della mia vita senza più svenderla per un piatto di lenticchie, volevo degli strumenti per cominciare a dissodare la mia coscienza per mettervi a dimora le sementi dell’anima, volevo tante cose, ma mi accorgo che ho avuto molto di più, e non è ancora finita, perché il meglio deve ancora venire, come ripeto spesso ultimamente.

Questa, per me, è la scuola Energheia, un viaggio alla scoperta di se stessi, un viaggio meraviglioso attraverso il quale cominciare a guarirsi con l’agire balsamico dell’anima.

Questo volevo, divenire un guaritore esoterico in grado di aiutare i miei fratelli a far fluire l’energia dell’anima, sapendo che ora è possibile realizzarlo, e domani ancora di più.

Buon viaggio!

Ti potrebbe interessare

Graziano Fornaciari

Graziano Fornaciari

Graziano Fornaciari nasce nel 1961 a Modena, vivendo un'infanzia ed un'adolescenza nella continua ricerca di un'armonia percepita come possibile. Diplomatosi come perito termotecnico, radica, attraverso quest'esperienza, la necessità di amalgamare, per un fine comune, gli elementi della natura: terra, acqua, fuoco, aria. In seguito, partecipa a corsi di comunicazione, nei quali prende contatto con la propria emotività, percependo la necessità di viverla con distacco. La ricerca delle cause della sofferenza lo conducono alla pratica della meditazione, attraverso il Raja yoga, all'interno dell'associazione Atman, di cui diviene insegnante nel 1997. Si iscrive nel 1996 a Energheia, prima scuola italiana di formazione per terapeuti esoterici, diplomandosi nel 1999. Ne diviene insegnante nel 2006 e adesso lavora presso le sedi di Modena e Roma, dedicandosi, consapevole della propria imperfezione, al conseguimento di una maggiore innocuità nei confronti della Vita, nel rispetto di se stesso e degli altri. Inoltre, cura una sezione all'interno della rivista esoterica, on-line “Il Discepolo” prima emanazione della Draco Edizioni casa editrice di divulgazione esoterica. Collabora anche, al portale web Yoga, Vita e Salute.