Il mantra

002ScienAgosto300L’intero universo vibra, è coscienza ed energia in costante movimento; ciò vale per il macrocosmo, galassie, sistemi solari, pianeti e per il microcosmo, l’uomo.
La vibrazione è suono nella sua forma sottile.
A tali vibrazioni, nella scienza dello yoga, è stato dato il nome di mantra.
I mantra vennero percepiti dagli antichi rishi e yogi che, in stati di profonda meditazione, trascesero la consapevolezza di corpo, mente, oggetto, spazio, tempo e, armonizzando la propria mente con le  più alte frequenze dell’energia universale, giunsero alla consapevolezza delle vibrazioni   dell’universo.
In sanscrito il mantra è definito come “mananaat trayate iti mantraha” cioè ”la forza o energia attraverso la quale la mente può essere liberata dalle sue ossessioni è chiamata mantra”.
La ripetizione del mantra consente la calma mentale, primo passo per la concentrazione. Concentrare la mente significa distribuire le energie in modo equilibrato e omogeneo e questo consente l’eliminazione delle tensioni generate da pensieri, emozioni e desideri che  hanno acquisito intensità e non consentono di utilizzare appieno le facoltà mentali.
Le vibrazioni sonore prodotte dal mantra agiscono su corpo, mente e psiche generando una condizione di armonia che conduce a stati di rilassamento profondo e al conseguente risveglio dei potenziali latenti.

L’attività della coscienza si appiana: migliora la fiducia in se stessi, la consapevolezza, la memoria,  l’attenzione e la creatività, aumenta la capacità relazionale, la sensibilità nei confronti dell’ambiente e viene equilibrata la personalità.
Da un punto di vista percettivo il mantra è una combinazione di suoni consonantici e vocalici e, nel suo insieme, rappresenta un simbolo non discorsivo, che esprime ciò che non può essere espresso in parole attraverso vibrazioni sonore; pertanto è un errore valutare il mantra in termini concettuali, considerando il significato dei vocaboli che lo compongono.
La sua base è il suono, onde che pervadono il cosmo con frequenze diverse:  udibili, percepite come vibrazioni, onde pensiero e trascendenti.

Vi sono 3 modi di ripetere il mantra: a voce, sussurrato o mentale. La ripetizione verbale, che può divenire canto, è la modalità più facile: consente di acquisire consapevolezza del suono e della vibrazione; il modo sussurrato è una modalità intermedia: si inizia a interiorizzare la consapevolezza mantenendo un aggancio sensoriale; la forma mentale è la più efficace ma difficile, perché richiede la capacità di mantenere una consapevolezza interiorizzata costante.
I mantra possono essere individuali o universali.
I mantra individuali vengono assegnati da un maestro, in accordo alla personalità del praticante e al tipo di stimolo ritenuto idoneo a produrre il risultato desiderato; vengono ripetuti mentalmente.

I mantra universali, conosciuti in diverse culture e utilizzati a scopo meditativo e contemplativo, possono venire ripetuti da chiunque; spesso sono cantati in gruppo.
OM, Gayatri, Om Namah Shivaya, Hari Om Tat Sat sono alcuni dei mantra universali della tradizione yogica. Ciascuno di essi ha una specifica funzione: salute, tranquillità mentale, saggezza, risveglio spirituale. La vibrazione prodotta dal Gayatri mantra, ad esempio, attiva il prana, l’energia vitale: questo è il motivo per cui in India viene insegnato ai bambini all’età di otto anni, quando iniziano a studiare. La ripetizione regolare del mantra affina percezione e attenzione, potenzia l’apprendimento e la memoria e sviluppa l’intelligenza.

Ti potrebbe interessare

Anna Shabalin

Anna Shabalin

Mi chiamo Anna Shabalin, sono nata e vivo a Milano, ho studiato lettere a psicologia e ho lavorato presso alcune aziende nell'area delle Risorse Umane, negli ultimi 15 anni come Responsabile dello Sviluppo del Personale. Parallelamente alla mia esperienza professionale ho condotto la mia ricerca personale che, attraverso la psicologia, la psicoanalisi, lo yoga e una serie di altre esperienze, è divenuta ricerca spirituale. Dall'inizio del 2012 ho lasciato la professione: potevo andare in pensione, ho fatto due conti, ho pensato che potevo starci et...voila’, ho fatto il salto. Ora studio, faccio volontariato, accompagno, piena di meraviglia, la crescita di un fantastico nipote di 3 anni, ho i miei affetti e ho Energheia: fra alti e bassi, la mia vita è piena e giusta.